Scambio automatico informazioni, boom di autodenunce

Sono decine di migliaia, e in aumento rispetto al 2017. I contribuenti hanno approfittato anche della miniamnistia, in vigore fino al settembre 2018

Nel 2018 l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) ha trasmesso ai cantoni decine di migliaia di autodenunce. Questo dato, in crescita rispetto alll’anno precedente, è legato all’entrata in vigore dello scambio automatico di informazioni in materia fiscale a cui la Svizzera ha aderito nel 2017.

Le cifre più elevate sono state registrate a Zurigo, dove 7250 contribuenti si sono autodenunciati al fisco approfittando anche della miniamnistia varata nove anni fa e in vigore sino alla fine di settembre del 2018. Seguono Ginevra con 6192 autodenunce, Berna con 3’460 e il Ticino con 3’098. Dal canto suo Vaud, che non fornisce dati annuali, ha registrato 12’879 denunce spontanee nel periodo 2010 – 2018.

Dallo scorso primo ottobre è invece entrata in vigore la possibilità di segnalazione da parte delle autorità estere. Le autodenunce presentate nel corso del 2018 hanno interessato in gran parte conti bancari e immobili all’estero di residenti in Svizzera che non erano stati in precedenza dichiarati.

Per quanto riguarda i milioni di tasse recuperati, l’AFC afferma di non disporre di cifre dettagliate sull’importo globale delle dichiarazioni spontanee. “Occorre dire che le cifre annuali a partire dal 2016 non sono probabilmente ancora complete”.

Ad inizio anno, il canton Zurigo parlava di 122 milioni di franchi di tasse recuperate per il 2018. Nel 2017 le autorità zurighesi ne avevano recuperati 104 milioni. In Ticino, stando alle cifre del Dipartimento delle finanze e dell’economia, nel corso del 2018 sono stati recuperati complessivamente circa 115 milioni di franchi di tasse, di cui 19 milioni relativi alle imposte federali dirette, 55 milioni relativi a quelle cantonali e i restanti 41 milioni a quelle comunali.

Source: La Regione