Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La Svizzera mira alla digitalizzazione delle procedure fiscali

Il Consiglio federale intende abolire l’obbligo di firmare la dichiarazione d’imposta presentata per via elettronica. In singoli ambiti fiscali vuole inoltre poter introdurre l’obbligo di trasmettere i documenti elettronicamente. A tal fine, nella sua seduta del 20 maggio 2020 l’Esecutivo ha deliberato che nell’ambito delle imposte riscosse dalla Confederazione (imposta preventiva, tasse di bollo, imposta sul valore aggiunto) nonché nel settore dell’assistenza amministrativa internazionale,  volendo inoltre poter obbligare le persone interessate a comunicare con l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) per via elettronica.

Le possibilità esistenti per l’adempimento di obblighi fiscali per via elettronica vengono oggi ampiamente sfruttate. La digitalizzazione rappresenta un’opportunità per le autorità e i contribuenti, che consente loro di gestire processi e operazioni in maniera più efficiente e semplice. Il Consiglio federale intende cogliere questa opportunità.

L’Esecutivo ha proposto inoltre, che in caso di presentazione per via elettronica di atti scritti (ad es. la dichiarazione d’imposta), invece della firma, sia necessaria la conferma dei dati per via elettronica da parte del contribuente. Questo sia a livello cantonale che a livello federale.

Con il presente progetto viene altresì attuata la mozione Schmid Martin (17.3371), in cui l’autore chiedeva di abrogare l’obbligo di firmare la dichiarazione d’imposta e l’istanza di rimborso dell’imposta preventiva in caso di presentazione elettronica.

SOURCE: www.admin.ch