Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Contact UsWhy Us

L’Argentina introduce un’imposta sul patrimonio per finanziare le spese della pandemia

In data 4 Dicembre, il governo argentino ha approvato una tassa una tantum sul patrimonio con l’obiettivo di mitigare gli effetti della pandemia. Il Progetto di Legge di Solidarietà e Contributo Straordinario (Proyecto de Ley de aporte solidario y extraordinario para ayudar a morigerar los efectos de la pandemia) era stato presentato il 31 agosto e, con la sua ratifica, impatterà circa 12.000 cittadini con un patrimonio superiore a ARS 200 milioni (USD 2 .7 milioni).

L’aliquota fiscale più bassa è stata fissata al 2%, salendo al 3,5% per gli asset detenuti in Argentina e dal valore superiore ai 3.000 milioni di ARS, fino a raggiungere il tetto massimo del 5,25% per coloro che detengono beni all’estero.

L’imposta si applicherà a:

  • residenti, per tutti i loro beni in Argentina e all’estero;
  • residenti all’estero, per tutti i loro beni in Argentina; e
  • residenti all’estero che sono di nazionalità argentina e si trovano in “paesi non cooperanti o giurisdizioni a bassa imposizione”, per tutti i loro beni nel paese e all’estero.

La nuova legge, giustificata dalle “circostanze straordinarie” create dalla pandemia di Covid-19, ha tuttavia suscitato molte critiche in quanto sembra entrare in conflitto con le norme sulla residenza fiscale argentine e con la definizione di residenza concordata tra l’Argentina e i paesi con i quali ha concluso accordi contro le doppie imposizioni.

FONTE: http://www.saij.gob.ar