Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La Svizzera attua la strategia nazionale contro i rischi informatici

Il Comitato per la cibersicurezza del Consiglio Federale svizzero ha recentemente adottato il rapporto 2018-2022 sullo stato di attuazione della Strategia nazionale per la protezione della Svizzera contro i cyber-rischi. Il rapporto specifica gli obiettivi strategici per la protezione dai rischi informatici e copre lo stato di implementazione attuale del piano. Fino al primo trimestre del 2020, un terzo dei 247 punti definiti nel piano d’azione è stato implementato, ed il resto dovrà essere completato entro la fine del 2022.

Sono stati osservati progressi concreti in diverse aree di azione, come ad esempio la promozione della ricerca e della formazione raggiunta attraverso l’apertura del Cyber ​​Defense Campus (CYD Campus) presso i due Federal Institutes of Technology, ETHZ ed EPFL, nonché in Thun.

Nel suo piano d’azione, il rapporto si rivolgeva anche a gruppi specifici come le piccole e medie imprese, che ora potranno ricevere un supporto dedicato in risposta ai cyber-rischi e potranno fare affidamento su una guida che è stata redatta in collaborazione con i rappresentanti della comunità imprenditoriale.

Inoltre, il Servizio Nazionale di Contatto può ora ricevere da parte del pubblico in generale e dalle imprese, le segnalazioni di incidenti informatici, analizzandole ed inoltrandole agli organi competenti. A coloro che presentano delle segnalazioni vengono fornite raccomandazioni sulle azioni da intraprendere.

L’ordinanza sulla protezione dai rischi informatici nell’Amministrazione federale, in vigore dal 1 ° luglio 2020, costituisce la base giuridica e disciplina la cooperazione sia all’interno dell’Amministrazione federale che con i Cantoni, le imprese e il mondo accademico.

FONTE: www.admin.ch